Revisione forcella

Difficoltà: media
Attrezzatura: di base
Attrezzatura speciale: Un lungo (1m circa) tubo con foro circa 42-45mm

Come revisionare la forcella

La forcella del Transalp se pur economica e datata (si pensi che dal primissimo 600 dell' 1987 fino all'attuale 700 la forcella é quasi identica) e non particolarmente performante, ha sicuramente il grande pregio dell'affidabilità, difficile prenda gioco o perda olio. Di tanto in tanto però una bella revisionata non guasta. Le foto si riferiscono allle forcelle dell’Africa Twin solo più grandi di quelle del Transalp ma di fatto identiche.

Materiali necessari

  • una coppia di nuovi paraolio: originale viene venduto l’insieme parapolvere. Invece può bastare sostituire i soli paraolio che si trovano anche non originali a una decina di euro (marca Ariete);
  • serie di boccole due per forcella reperibili originali a 20-25E;
  • nuovo olio, a seconda delle molle che si utilizzano ne servirà 1-1,2 litri gradazione indicativamente da 10W a 20W a seconda delle molle dell’uso e delle nostre preferenze.


Attrezzi necessari

  • varie chiavi fisse e cacciaviti.- chiave a brugola da 6mm di ottima qualità;
  • un lungo tubo dal foro interno di 42-45mm ottimo se di plastica di buono spessore.


Come operare
Attenzione!! in tutte le fasi dove si lavori con cacciaviti o altri attrezzi metallici, é necessario proteggere gli steli da eventuali graffi, di solito bastano due giri di nastro in prossimità del punto dove si sta lavorando.

1. Prima di smontare qualunque parte é necessario allentare le viti che fissano i pompanti interni, per farlo evitando che i pompanti ruotino all’interno la forcella deve essere caricata quindi moto sul cavalletto laterale e con qualche colpetto deciso allentate i dadi senza svitarli (per semplicità nel realizzare la foto la forcella é già smontata) .

revforc1

2. Allentate anche i due tappi superiori con chiave da 17 (per facilitarlo svitate prima le due viti delle piastre) senza svitarli o tantomeno rimuoverli: come per le viti del punto precedente basta solo sbloccarli, operazione che risulterebbe difficoltosa una volta rimosse le forcelle dalla moto.

3. Ora mettete la moto sul cavalletto centrale o su un supporto stabile in modo da avere la ruota anteriore alzata da terra.

4. Smontate la ruota.

5. Ora si possono rimuovere tutte le fascette che fissano i tubi freno alla forcella e appoggiare le pinze freni da qualche parte (io l’ho appoggiate sul telaietto paracarene) in modo da non far rimanere in tirare i tubi dei freni. rimuovere la fascetta che tiene il cavo contachilometri smontate il parafango e la piastra antisvirgolamento delle forcelle svitando 4 bulloni (del 10).

6. Quando non hanno più nulla attaccato sfilate i due steli svitando le 4 viti di fissaggio due per la piastra inferiore e due sulla superiore e facendoli ruotare per facilitarne l’estrazione.

7. Sfila i soffietti svitando le due fascette di fissaggio.

custom revforc2

8. Adesso che hai le due forcelle nude svita i tappi superiori, sfila le molle capovolgile e svuotale dall’olio pompando diverse volte.

immagine

9. Svita le viti inferiori (brugola del 6) precedentemente sbloccate, fai gocciolare l’olio che sarà rimasto all’interno. Togliamo anche la rondella di rame che funziona da tenuta per la vite e se vediamo che è messa male sostituiamola (io non l’ho cambiata). Capovolgi la forcella e fai uscire il pompante e la sua molla.

10. Rimuovi il parapolvere, rimuovilo facendo pressione con un cacciavite abbastanza fine nel punto indicato.

immagine

11. Sfilato il parapolvere dobbiamo togliere una anello di metallo che funziona da fermo per il paraolio.

immagine

12. Afferriamo lo stelo e, tenendo fermo il gambale, iniziamo a tirare dando degli strattoni. Sentiremo che lo stelo non viene via alla prima ma dopo 3-4 colpi decisi riuscirete a disaccoppiare la forcella! In questa fase può essere utile scaldare con una pistola termica l'esterno del fodero, all'altezza del paraolio, in questo modo si dilata e favorisce l'uscita del paraolio ma soprattutto quella della boccola superiore.
Ecco come si presenta la forcella! Il distanziale é all'interno del fodero.

immagine

13. Come si presenteno le boccole da sostituire, in baso quelle nuove.

immagine

Quella sullo stelo si sostituisce in un attimo.

immagine

14. Ora, prima di montare la seconda boccola, assembliamo la forcella , infiliamo il distanziale e successivamente lo stelo nel fodero infilandolo completamente in modo che il distanziale si posizioni centrato, poi sempre tenendo al forcella completamente compressa dall’interno dello stelo infiliamo il pompante con la sua molla, centriamo il tutto (il pompante deve infilarsi all'interno dle distanziale) se serve aiutandoci con un cacciavite infilato nel foro inferiore e avvitiamo il più possibile la vite inferiore con la sua guarnizione in rame (il serraggio definitivo avverrà a forcelle montate).

15. Infiliamo la boccola esterna e mandiamola in sede se possibile con il tubo che dovremmo esserci procurati (se é un po’ largo basta inserire la rondella), in mancanza del tubo usa un cacciavite con estrema attenzione a non rovinare stelo o boccola. In foto la boccola perfettamente in sede

immagine

16. Inserisci la rondella.

17. Ora il nuovo paraolio, dopo averlo ben lubrificato con il sul grasso (se Ariete) o con dell’olio meglio se siliconico, infilalo e mandalo in battuta o col solito tubo se serve per non rovinarlo appoggiando sopra il vecchio paraolio o in mancanza del tubo aiutandoti con il vecchio paraolio. Attenzione a montarlo nel senso corretto, le scritte vanno all’esterno. Quando é in sede si vedrà lo spacco per inserire il fermo ad anello.

immagine

18. Infila il fermo.

immagine

19. Inserisci il parapolvere, ok la forcella è montata.

20. Ora comprimi completamente la forcella e metti il corretto livello di olio misurandolo con un astina. Il livello olio varia in funzione delle molle che si utilizzano, con le molle originali va a 125mm dal bordo naturalmente con forcella completamente compressa e senza la molla, fino ai 160-165 (quindi un po’ di olio in meno) con molle progressive di buona fattura. Se non conosci l’esatta misura nel dubbio meglio metterne meno, inoltre dopo aver messo un po d'olio (almeno 400cc pompa ripetutamente con la forcella in modo che vada a occupare tutti i vuoti che falserebbero la misurazione.

21. Infila la molla e metti i tappi.

22. Rimontate il tutto stando ben attenti a non stringere troppo le viti delle piastre e i bulloni che fermano il perno ruota (ricordandosi anche di stringere prima i due dadi superiori e poi quello inferiori ).

23. Ora carica il più possibile l’avantreno e serrare le due viti a brugola sul fondo degli steli, vedrai che con il peso della moto il pompante non tende a ruotare e riuscirai a serrarle con la dovuta forza senza difficoltà.


Grazie a Claudio V. per la realizzazione di queste pagine.

 

  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 40683