Koso ATV-DB-02R

Difficoltà: medio
Attrezzatura: di base
Attrezzatura speciale: saldatore a stagno - guaine termorestringente - morsetti faston maschi piccoli

Come installare la strumentazione digitale Koso ATV e DB-02R Koso DB-02R

immagine
DB-02R

Vista la diffusione e l’apprezzamento per questi validi prodotti, sempre più amici ci chiedono come installarlo sulle nostre Transalp. Stiamo realizzando una completa guida con foto che vi accompagneranno passo per passo per la versione DB-02R completa di mascherina con spie. Ricordate questa ultima va acquistata separatamente, come vedete nella foto sopra la sola strumentazione non comprende tutte le spie necessarie per rimpiazzare la strumentazione originale.
N.b. per l'acquisto abbiamo stipulato una convenzione con il sito on line openbike.it che ci riserva uno sconto del 10%. La strumentazione é stata installata su una Transalp 600 del 1996 ma vale, oltre che per tutti i 600 anche per la 650, con poche modifiche che verranno descritte. Lo steso se si opta per la stumentazione ATV, più semplice e sicuramente facile da installare.

Ecco come si presenta il "pacchetto" appena sballato del Db-02R completo di spie: tra le caratteristiche di questa strumentazione, il doppio indicatore di temperatura (acqua e olio ma nel nostro caso acqua e temp. ambiente), voltmetro, indicatore benzina (per i 650) e molte utili funzioni.

immagine

Il posizionamento della nuva strumentazione viste le dimensioni ridotte é quanto di più vario e dipende molto dalle nostre capacità di inserirla nell'estetica della moto.
In questa guida si é deciso di integrarla nella posizione di quella originale. Il fissaggio può essere fatto in vari modi, per l'accessibilità si é preferito non fissarla alla parte in plastica attorno alla strumentazione ma sul telaio sottostante.
Con delle piastrine e viti fissiamo il supporto alla giusta altezza che si adeguerà successivamente grazie alle viti.

immagine

ecco come si presenta con la pannellatura.

immagine

Ora con una piastra di plastica o meglio alluminio si chiude la parte inutilizzata, questo pannello può essere fissato o al contorno strumentazione (dopo averlo forato per far passare lo strumento) o meglio ai medesimi supporti della strumentazione o a altri aggiunti appositamente per dare rigidità all'insieme.

immagine

La finitura potrà essere fatta con un tappetino di sottile spugna in neoprene facilmente reperibile incollata alla base rigida.
Nel mio caso ho aggiunto sia un supporto per GPS autocostruito (per il classico TOM TOM dell'auto) sia una presa accendisigari e vari comandi e spie (alimentazione GPS, quattro frecce e Lisstoiler)

immagine
immagine

Passiamo al collegamento.
Come prima cosa posizioniamo le mostrine delle spie svitando le due viti e aprendo il fondo, con delicatezza e se serve un piccolo cacciavite si solleva il piccolo integrato che contiene i 4 leds.
Ecco

immagine

Le spie di destra hanno l'alimentazione tramite negativo, sono quindi adatte a Pressione olio, folle e spia cavalletto, l'ultima può essere chiusa con apposito tappo o inserita una a caso (io ho messo spia benzina perché effettivamente sul Ta 600 ho messo un micro interruttore sul rubinetto benzina che mi ricorda che sono in riserva). Sul lato sinistro invece vanno le spie a comando tramite positivo, frecce abbaglianti e luci posizione (superfluo sui modelli con accensione automatica dei fanali). Volendo le frecce possono essere unite in una sola spia presente nelle mostrine (aggiungendo due diodi sui fili delle frecce) e utilizzare la spia libera per segnalare l'accensione di fanali antinebbia, di manopole riscaldate ecc. ecc.)

immagine

Ora richiudiamo tutto facendo attenzione alle guarnizioni di tenuta

immagine

Inseriamo lo strumento nella cornice con le spie e la blocchiamo con le apposite linguette.

immagine

Ecco come si presenta lo strumento, potete apprezzarne la cura e la compattezza.

immagine

Vediamo cosa serve per i collegamenti elettrici delle spie, si può procedere in diversi modi, a seconda del materiale che disponiamo, se si ha una vecchia strumentazione rotta si riutilizza il connettore originale, si taglia il cavo si giuntano ai fili del Koso nell'ordine che vedremo nelle tabelle.
Se invece non si vuole compromettere la strumentazione originale e nemmeno staccare il connettore bisogna procurarsi delle spinette come quelle in foto, dovete procurarvi presso un fornito ricambista elettrico di auto o di elettronica, dei morsetti faston piccoli, sono prodotti standard larghi 2,5mm lunghi un paio di cm. E alcuni connettori di tipo cilindrico, meglio se isolati che si innestano (anche se leggermente diversi) in quelli originali.

immagine

I faston piccoli andranno pinzati sui fili e se non si utilizza una pinza professionale andranno saldati. Se non si utilizza almeno il connettore della strumentazione originale andranno isolati nella parte che rimarrà sporgente usando delle guaine termorestringenti (reperibili con facilità nei negozi di elettronica)

immagine

Ora fate molta attenzione, partite della spie di destra quelle a comando negativo, per capirci bene, quelle della pressione olio, Folle ecc. ecc.

immagine

il filo rosso é il comune e va collegato al positivo sottochiave, siccome anche alla strumentazione serve un positivo sottochiave uniamolo col filo marrone della matassina a tre fili fornita assieme alla strumentazione. Gli altri fili andranno collegati come da tabella.

immagine

Passiamo alle spie di sinistra (Fanali, frecce ecc.)

immagine

I 5 fili andranno collegati cone da tabella sottoriportata

immagine

Terminata questa operazione infiliamo i morsetti nello spinotto della moto rispettando scrupolosamente i colori riportati nelle tabelle e il filo della stampella laterale (ove previsto) nel puntale indicato dalla freccia.

immagine

Attenti ai fili dal colore simile ad esempio il verde e il verde-blu che si confondono.


Ora collegate le spie passiamo a collegare gli altri cavi
Alimentazione: Cavetto Koso a tre fili:

immagine

Rosso Verde più e meno da collegare direttamente alla batteria (su consiglio di Michele della openbike.it) interponendo ovviamente un fusibile da pochi Ampere 3 (anche meno).

Cavo Marrone positivo sottochiave da collegare con i fili delle spie al connettore della strumentazione originale, filo nero come già detto nella parte relativa alle spie.


Contagiri

Utilizzare il cavetto in dotazione (Tipo C) quello che termina con due faston maschio e femmina é perfetto per mettere in parallelo il contagiri alla bobina di accensione. Attenzione solo alla punta del faston maschio andrà accorciata (o nastrata bene per evitare contatti indesiderati perché troppo lunga e lascia esposta una parte del faston stesso.
Scollegate uno dei fili due fili da una delle bobine della moto che trovate sotto il serbatoio a seconda dei modelli (basta seguire i fili delle candele per trovare la più comoda) e collegatevi il faston femmina dello cavetto del koso. Sull'altro terminale che rimarrà libero collegate il filo precedentemente staccato dalla bobina. In genere a seconda dei modelli é di colore blu-giallo o nero-giallo, NON quelli neri-bianchi o verdi e sui modelli dal 96 in poi nemmeno quello che va al contagiri originale. In ogni caso se non funziona provare con l'altro. Il nero presente sempre nel cavetto Koso, anrdrà collegato a massa, potete tranquillamente usare una delle viti che fissano le bobine al telaio.

 kosofilobobina


Sensore temperatura

Lo strumento ha due sensori di temperatura, il primo può essere usato per la temp. del liquido raffreddamento motore. Come prima cosa bisogna installare il nuovo sensore

immagine

inclinando la moto dul lato destro con un tubo aspirate circa 1/2 litro di liquido raffreddamento per evitare che esca nello smontare la sonda. Ora liberata la zona da tubi e tubetti si intravede la valvola termostatica con installato il sensore.

immagine

Con pazienza e una chiave adatta svitate la vecchia sonda,

immagine

cospargete il filetto della nuova sonda con del buon silicone e avvitatelo a fondo, non forzate troppo, non deve avvitarsi completamente, non servono guarnizioni o altro é un filetto conico fa tenuta perfetta.
Ora basta collegare una delle prolunghe in dotazione e portare il cavo facendolo passare assieme agli altri cavi elettrici della moto fin allo strumento, ricordatevi di collegarlo al connettore TEMP.A e non B perché lo strumento memorizza la max. temperatura su questo canale ed é cosa sempre comoda avere questo valore massimo.
Il secondo servirebbbe per la temp. olio ma sulla nostra moto non ha molto senso, si può installare sul tappo scarico olio previa acquisto di una adattatore ma non é un dato molto utile quindi io l'ho usato per la temperatura ambiente installato appena sotto il cupolino moto, tralaltro si é rivelato estremamente preciso ma misura solo valori positivi quindi da zero gradi in su.


Sensore ContaKm

immagine

Utilizzando uno dei due supporti in dotazione avvitandolo a una delle viti della pinza freno si installa il sensore alla forcella dal lato freno (per i monodisco), sulla ruota, in particolare sul disco andrà installato il magnete, meglio se incollato con una punta di colla bicomponente e regolata la distanza tra magnete e sensore a circa 1mm. Il filo andrà fascettato al tubo freno freno e portato fin sotto la strumentazione.

 
immagine

 

Sul lato destro può essere rimosso il vecchio inutilizzato riduttore sostituendolo con un perno cavo in acciaio da infilare sul perno ruota (dimensioni per Transalp monodisco e Africa Twin RD03 ext 20 int 15 lungo 32mm). Ovviamente andrà sostituito il parapolvere con uno adatto alle nuove dimensioni (20-50-7 sempre per i medesimi modelli).

pernoruotaant


Ora provate tutte le funzionalità si può configurare lo strumento. L'operazione é semplice tenendo premuti entrambi i tasti si entra nella funzione di programmazione dove si inserisce la circonferenza ruota (che varia con l'usura della gomma) conviene fare una misura approssimativa e poi una taratura fine con il GPS, io per caso ho messo 2100mm e provato col GPS ed é perfetto, attenzione però perché in genere gli stumenti originali segnano un + 5-10%, se mettete una misura precisa rispettate rigorosamente i limiti pena qualche inaspettata multa. Regolate l'ora. Io gli altri parametri non li ho toccati non mi servono le spie del fuorigiri solo la spia della temperatura massima ho impostato 105 gradi invece dei 100 di base, forse un po pochi visto che la ventola scatta a 100, vedrò quest'estate se é eccessivamente bassa.

  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 35644