Lunghi inutilizzi

Difficoltà: facile
Attrezzatura: in dotazione

Come preparare la moto per lunghi inutilizzi

Se capita di dover lasciare la moto ferma per molto tempo sono necessarie alcune precauzioni per evitare si rovini e per poter ripartire immediatamente la prossima primavera.

  • Pulisci la tua moto.
  • Cambia l'olio al motore ed il filtro dell'olio.
  • Sostituisci tutte le parti che pensi dovrebbero essere sostituite (catena e corona e pignone, pasticche dei freni etc.).
  • Regola la pressione dei pneumatici un pò più alta di quella prescritta.
  • Se l'inutilizzo é particolarmente lungo o avviene in luoghi umidi con una siringa versa l'equivalente di un cucchiaio da tè (15-20ml) di olio motore nei cilindri (attraverso il buco della candela) e fai fare qualche giro al motore per distribuirlo. ATTENZIONE senza candele una parte dell'olio verrà "sparato" fuori. A lavoro fatto rimonta le candele.
  • Riempi il serbatoio completamente. Questo impedirà la corrosione delle pareti interne e ridurrà il deterioramento della benzina, se però la sosta sarà molto lunga (diciamo oltre i 6 mesi), meglio vuotarlo completamente e spruzzarvi all'interno del antiossidante (basta un poco d'olio diluito con la benzina prima di svuotarlo).
  • Svuota i carburatori. Non hai bisogno di smontarli, c'è una vite per farlo posta nella parte inferiore di ogni carburatore, oppure chiudi la benzina e mantieni acceso il motore fin che non si spegne (alla fine tira l'aria vedrai che fa ancora qualche scoppio).
  • Se l'inutilizzo è particolarmente lungo o in luoghi umidi spruzza sulla moto una sostanza anticorrosiva (cera, spray siliconici o simili). Stai attento ai dischi dei freni!
  • Rimuovi la batteria e conservala in un luogo caldo e asciutto. Se di tipo con acido (transalp 600) riempi con acqua distillata fino a raggiungere il livello richiesto. Effettua la carica lenta della batteria (0,1 A max) ogni due mesi o meglio, mettila sotto carica permanente usando un carica batteria automatico, che la carica e si stacca automaticamente.
  • Metti la moto sul cavalletto centrale oppure, se non l'hai, su cavalletti da moto o su un'appropriata cassa. Accertati che le ruote non tocchino terra. Se ciò non è possibile, muovi la moto per un breve tratto ogni due settimane.
  • Non accendere il motore durante a fase di “letargo”! Accendendolo per un breve tempo, causerà la formazione di un pò di acido solforico che provocherà la corrosione dei cilindri, dei pistoni, dei cuscinetti e dello scarico, nonché l'imbrattamento delle candele.

Una volta fatto questo, la primavera prossima devi solo rimettere a posto la batteria, pulire la moto dalla cera usando alcuni prodotti come S100 e simili, accenderla e rimetterla sulla strada.

Se non vuoi fare tutte queste operazioni, quantomeno cura il mantenimento della batteria , che sui modelli 650 è particolarmente costosa ma che se tenuta con un minimo di accortezza dura fino a 10 anni!
Soprattutto ricordati di NON accendere la moto periodicamente per pochi minuti, come detto crea più danni che benefici, se la accendi facci quantomeno un breve giro o mantienila accesa per diversi minuti in modo che l'olio si scaldi, le candele non si imbrattino e le condense acide vengano smaltite.