Incollare il pignone

Difficoltà: medio
Attrezzatura: in dotazione
Attrezzatura speciale: Estrattore
(per smontaggi successivi)

... quando il perno è usurato

Come avrai visto nei problemi noti su alcuni modelli capita si rovini il perno pignone. Anche se non testata direttamente, ci è sembrato utile tradurre la pagina di Tramsvalp che ringraziamo infinitamente. Grazie alla sua idea probabilmente potrete risparmiare molte centinaia di euro necessari per sostituire il perno pignone.
Se il perno fosse già compromesso o a scopo preventivo ricordati che c'é anche la soluzione della KKBIKE.

Se non hai nulla da perdere il tuo perno pignone si sta usurando prima di imbarcarti in una costosa sostituzione del perno prova il metodo di Tramsvalp collaudato da 10.000Km con successo.
Questa è la situazione del perno, come si vede l'usura è evidente.

immagine

Procurati un bloccante per filetti o per perni coassiali, tipo Permatex ® High Strength Threadlocker ROSSO. In Italia i prodotti equivalenti dovrebbero essere il Loxeal 8355 o i più tenaci Loctite 638 o l'equivalente Loxeal 8521. Il consiglio è di provare prima il più debole e solo se non tiene il secondo (fateci sapere grazie!).

immagine

Ora pulisci bene il perno con una spazzola per rimuovere sporco e sgrassa sia il perno che il nuovo pignone accuratamente usando alcool o benzina, è fondamentale siano sgrassati alla perfezione altrimenti non si saldano.
Ora il pignone deve essere perfettamente centrato, se il perno è molto usurato è probabile che possa incollarsi leggermente storto, per evitarlo prendi del sottile filo metallico e come da foto fai 4 anelli simmetrici attorno al pignone, oppure fai come l'amico Ugo che avendo un usura limitata non riusciva a far passare i fil di ferro ed ha prima inserito il pignone e successivamente con degli aghi da cucito di buona qualità (sono più sottili) inseriti uniformemente ha fatto una centratura perfetta. La parte in eccesso dell'ago poi si spezza facilmente.

immagine
immagine

prova a montarlo con un martello di gomma, deve salire forzato ma non troppo, se serve riduci o aumenta il diametro del filo.

Ore metti un poco di grasso o olio denso sul perno lato motore per evitare che accidentalmente vi aderisca il bloccante.

immagine

Ora distribuisci una abbondante quantità di bloccante su perno e pignone.

immagine
immagine

Monta il pignone, se serve muovi aventi e indietro il pignone e aggiungi altro bloccante in modo che sia ben distribuito. A lavoro ultimato taglia i fili metallici in eccesso.
ATTENZIONE!! Assicurati di montare il pignone dal lato corretto.

Posiziona l'anello di fissaggio assicurandoti che sia in buone condizioni (meglio sempre montarlo nuovo). Nella foto qui sotto un anello dove sono ben visibili segni di usura.

immagine

Avvita le viti. ATTENZIONE!! Assicurati che non ci sia bloccante nei filetti delle viti non riusciresti più a svitarle.
Non montare la catena, anzi assicurati che per il tempo di presa del bloccante (almeno 24 ore) nulla possa urtare il pignone.

A essiccazione avvenuta monta la catena e prova la moto.

immagine

Smontaggio

Se tutto ha funzionato per lo smontaggio servirà un buon estrattore reperibile a prezzi contenuti in qualunque fornita ferramenta.

immagine

Dopo aver rimosso la placchetta di fissaggio innesta l'estrattore sul pignone, regola i due ganci in modo che il perno centrale forzi esattamente al centro del perno ed estrai il pignone. Ricordati che tutti i bloccanti non reggono temperature molto alte per cui se hai problemi a estrarre il pignone (dubito se hai un buon estrattore) scaldalo facendo attenzione a non danneggiare il paraolio del cuscinetto che sta li vicino (magari fai colare dell'acqua dietro al pignone mentre lo scaldi).

immagine

In queste foto vedi il risultato dopo 10.000Km, il perno è perfettamente coperto dal bloccante e anche osservando l'interno del pignone è evidente il residuo di colla, quindi la perfetta tenuta.

immagine

 

immagine
  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 30556