intestazione per stampa

CERCA NEL SITO


Fai da te - Telaio

Difficoltà: medio
Attrezzatura: di base
Attrezzatura speciale: smagliacatena
o smerigliatrice

Catena sostituz.

Cambiare la catena.
Per i difetti più comuni che assillano la catena leggi l'apposita sezione.

Attrezzi necessari: (consigliate le chiavi chiuse)

  • 8 a tubo (Carterino catena)

  • 10 (per leva cambio e viti pignone)

  • 12 (registro catena)

  • 14 (registro catena,

  • 17 (ruota mozzo e bulloni corona)

  • 24 (bullone ruota)

  • Brugola da 6 (di ottima qualità) per viti corona


Ora come si procede:

  1. Posiziona la moto sul cavalletto centrale, se non l’hai devi inventare il modo per sollevare la ruota posteriore, assicurati che sia ben ferma e stabile.

  2. Spruzza dello svitol sui bulloni che fermano la corona in quanto sono i + difficili da smontare.

  3. Allenta le viti della corona con la marcia inserita. Per fare questo ti serve la chiave del 14 e la brugola del 6 (+ se necessario un tubo per fare maggiore leva). Se non hai una chiave adatta (ad occhio) e di buona qualità o ti accorgi di fare molta fatica, prima di rovinare le viti fermati ed aspetta di aver rimosso la ruota e messo la corona in morsa (descritto in seguito).
    immagine

  4. Una volta allentati i bulloni smonta completamente la ruota. Per le TA precedenti al 90 (Freno a tamburo) sfila il perno del tamburo allentando completamente la galletta, estrai il perno centrale della ruota. A questo punto ti restera' in mano a destra il tamburo, (toglilo e puliscilo), e a sinistra il blocco della corona.

  5. Con la ruota in mano procedi a smontare completamente i bulloni che fissano la corona (occhio se appoggi la ruota a non rovinare il disco del freno
    immagine

  6. Se trovi difficoltà nello svitare le viti sfila il blocco della corona, tirando con due mani e tenendo giù la ruota coi piedi o le ginocchia.

  7. Ti rimarrà in mano la corona con relativo supporto mentre resteranno all'interno del mozzo della ruota 6 gommini neri, i parastrappi.
    immagine

  8. Posizioni la corona nella morsa e procedi al comodo smontaggio delle viti con una bella chiave a cricchetto.

  9. immagine

  10. Dato che ormai hai smontato l’intero blocco già che ci sei procedi anche all’ingrassaggio dei cuscinetti del mozzo ruota.

  11. immagine

  12. Procedi ora al rimontaggio della corona, centra i rispettivi fori (p.s. verifica anche il senso corretto di montaggio.

  13. immagine

  14. Sporca di grasso il filetto delle viti e avvitale, non preoccuparti se non riesci a fissarle saldamente, non stare a rovinare la nuova corona stringendola in morsa, il completo serraggio lo potrai fare a ruota montata.

  15. immagine

  16. Se hai smontato il blocco della corona rimontalo nella sua sede, facendo attenzione a infilarla bene tra i gommini.

  17. immagine

  18. Procedi ora a rimuovere la vecchia catena, hai due modi:

  19. - Con una smerigliatrice con lama da taglio per metalli.
    immagine

    - Con apposito attrezzo smagliatatene.
    immagine

  20. Ora si mettono a confronto le due catene per verificarne il numero di maglie. Il kit DID ha già la catena a misura (118 maglie) mentre il kit originale ha solitamente una maglia in più che andrà rimossa. Attenzione!!!! La catena vecchia di solito é più lunga in quanto stirata , nel confronto si devono affiancare e comparare/contare le maglie non guardare la lunghezza complessiva della catena.

  21. immagine

  22. Per rimuovere le eventuali maglie in più se non si dispone dell’attrezzo specifico (lo stesso che poi ci permetterà di montare e ribattere la maglia di chiusura) bisogna molare la testa di uno dei perni con un flessibile e picchiare energicamente il perno con un sottile punteruolo appoggiando il lato della catena dal quale dovrà fuoriuscire il perno su una base cava (un bullone va benissimo).

  23. Attenzione: ogni maglia ha due perni, quello da molare quello che ci permetterà di rimuovere la maglia esterna ed alla fine del lavoro avere una catena che termina con la maglia forata in modo da potervi installare quella di chiusura.
    immagine

  24. Smontiamo la leva del cambio (una vite del 10) e rimuoviamo il carterino con delle viti dell’8 e successivamente le due viti del pignone del 10 e la piastrina ferma pignone.

  25. immagine

  26. Ora montiamo il pignone, la parte con il gradino deve essere esterna alla moto vedi fig. meglio controllare bene, è facile sbagliarsi. Se a fine lavoro la rotazione della catena è rumorosa (stoc..scoc..) è montato in modo errato e la catena tocca il carterino di plastica.

  27. immagine

  28. Successivamente monta il ferma pignone, controlla che sia in buone condizioni, nel dubbio sostituiscilo in quanto accentua il gioco del pignone. Per montare il fermo inseriscilo e ruotalo nel suo spacco fin che i fori non combaciano. Metti un filino di frenafiletti medio sulle due viti, serrale bene ma senza esagerare, soprattutto se usi una chiave molto lunga (cricchtto o simili).

  29. Una volta quando i frenafiletti era roba da ricchi usavano qualche goccia di vernice sintetica.
    immagine

  30. Montiamo ora la catena nuova, ingrassiamo con il grasso fornitoci dalla ditta (almeno DID l’aveva nella confezione). Non dimenticatevi dei quattro gommini Or da montare due per lato.

  31. immagine

  32. Adesso viene il bello se siamo fortunati, attrezzati ci compriamo un attrezzo per smagliare/rimontare le catene, altrimenti passiamo ad un metodo più rozzo ma ugualmente funzionale:

  33. Procuriamoci un punteruolo come in foto ed un tubetto cavo per installare la maglia, i foro del tubetto deve essere di dimensioni maggiori dei perni in modo da non urtarli.
    Noi avendo usato l’apposito attrezzo avevamo già montato anche la ruota, se si usa questo metodo conviene avere la catena il più libera possibile e montare la ruota successivamente.
    immagine

  34. Questa è forse la parte più difficile, troviamo un supporto pesante (una mazza o un pezzo di ferro) da posizionare dietro la catena da ribattere, con il tubetto battendo alternativamente tra i due perni fate salire la chiusura della maglia muovetela di tanto in tanto per far andare in sede gli or. Qui sotto potete vedere i componenti della maglia da ribattere e i due estrmi in rame facili da deformare.

  35. immagine

    Per sapere quando è chiusa a sufficienza si può andare a occhio o misurare con un calibro la larghezza della maglia e confrontarla con le altre. Non chiudetela troppo.
    immagine

    Altra idea suggerita dall'amico fabio consiste nel mettere un legno appoggiato alla ruota e un martello incastrato tra catena e legno (sopo aver rimosso il paracatena ovviamente), questo dovrebbe agevolare il lavoro di installazione della chiusura e di ribattitura.
    immagine

  36. Una volta montata la maglia passiamo a fissarla ribattendo la parte terminale in rame dei due perni. Con il punteruolo andremo a svasarli. Bastano una decina di colpi nemmeno tanto forti per deformare la parte in rame e impedire alla chiusura di scendere. Se invece si utilizza lo specifico attrezzo la maglia di chiusura si monta avvitando le due viti quanto necessario (occhio a non chiuderla troppo) e si ribatte attrezzando adeguatamente lo strumento.

  37. immagine

  38. Per entrambi i metodi procediamo con una leggera ribattuta a mano libera (non si sa mai..) verificando sempre che la maglia scorra bene.

  39. immagine

  40. Ecco come deve essere una bellissima ribattitura

  41. Nel caso vi fossero problemi ricordate che la maglia di chiusura è disponibile come ricambio.
    immagine

  42. Se invece si opta per una maglia riapribile con chiusura a molletta, il lavoro è più semplice (ma meno sicuro), una volta inserita la chiusura si installa la molletta facendo attenzione al senso di rotazione. Il lato chiuso della molletta deve essere rivolto nel senso di rotazione della catena per evitare che un qualunque sfregamento faccia scendere la molletta.

  43. immagine

  44. Ora che tutto è montato ricordati di serrare a fondo le viti della corona, e tendere correttamente la catena, ricordati di non tenderla mai troppo, altrimenti la sua vita è pesantemente minata.



Consigli: Se siete bravi potete farlo da soli nel giro di un paio di ore e il risultato vi soddisferà sia in termini di costo (risparmiate ben 2 ore di manodopera) e di soddisfazione personale. Con l’oggettino per ribattere la catena, il nostro era un funzionale Buzzetti. Il lavoro è più semplice, ma questo attrezzo bisogna saperlo usare, sulle prime lascia un attimo perplessi, al secondo cambio invece se ne apprezza la funzionalità. In caso di errori o problemi sappiate che in commercio si trovano le maglie da ribattere di ricambio (costo 8-10E).
Ricordati che quando si sostituisce un componente é bene cambiare l’intero trittico (catena, corona e pignone) per garantirsi un usura omogenea e una lunga durata.
Le uniche condizioni in cui può valer la pena di non applicare questa regola é quando c’é una causa esterna che provoca il precoce rovinarsi di un componente, ad esempio una catena nuova si può stirare per un errato tensionamento, si può ossidare in caso di rimessaggio all’umido, un pignone non di buona qualità può rovinarsi prima del resto, può valer la pena sostituirlo anche perché costa poco. Mai sostituire la sola catena sperando che gli altri componenti siano buoni, la catena é il componente più costoso e la sola catena spesso costa di più dell’intero kit se viene abbinata a ingranaggi non perfetti la sua durata diminuisce drasticamente.



Catene cosa c’è in commercio


Originale: i codici ed il costo del kit originale andate sul sito WWW.HONDAITALIA.COM alla voce prodotti, ricambi, xl, 6..V più il codice del vostro anno. Il kit comprende una catena DID 525V, inferiore a quella di primo equipaggiamento ma comunque di buona qualità o RK marchiata con la sigla 525 SM3 che a detta di molti è decisamente scadente, infatti l’ottima RK di primo equipaggiamento è marchiata 525 SM5. Pignoni e corone sono della Sunstar.
Il Kit DID:
Fino al 2011 erano presenti i kit con catena 525V (come nel kit originale) con O-Ring pignone e corona Sunstar (come nel kit originale) ma la corona è esteticamente differente da quella originale, non ha il bordino e il pignone non ha la maschera plastica per attenuare i rumori, rumorosità che che negli ultimi kit si é rivelata abbastanza fastidiosa se pur ininfluente sull'affidabilità.
Ultimamente (dal 2012) sono in vendita due differenti Kit entrambi con validi ingranaggi silenziati (sia corona che pignone) tramite un riporto plastico e realizzati da Ognibene (già importatore e distributore DID).
Un Kit denominato "PREMIUM" utilizza una bella catena dorata DID 525 VX Gold-Black e lo si riconosce per la sigla del Kit che inizia col numero 37 (es: 37-2834-000 per la Transalp 700) e un secondo kit "PROFESSIONAL" con i medesimi ingranaggi e una catena sempre con OR ma di produzione Ognibene ed é venduto in genere a prezzi veramente concorrenziali. Si distinguibile dalla sigla che inizia con 15 (es: 15-2834-000 per la transalp 700). Attenzione alle vendite on line spesso approfittando della somiglianza tra i due vendono quello più economico come fosse il secondo. Anche le confezioni sono spesso uguali anche se Ogibene ci ha assicurato che torneranno alla vecchia confezione Gialla per quello con catena Did e la nuova confezione Verde-Blu per il kit con catena Ognibene. Attenzione anche ai vecchi kit in vendita, per anni si troveranno ancora kit con ingranaggi Sunstar e catena più economica. Per essere sicuri di quanto comperate oltre alla sigla chiedete la colorazione della catena e eventualmente la marca degli ingranaggi.
Inoltre vi sono altri validi kit, come il Regina, RK e diversi altri.

Oltre a questo, se vi può tornare utile vi aggiungo una tabella con le velocità espresse in Km/h per le varie tipologie di corona/pignone per il solo modello 600 che originali monta un pignone da 15 e corona da 47.
Il 650 invece ha una rapportatura primaria più lunga e monta un pignone sempre da 15 ma una corona da 48.

immagine


immagine



Un ringraziamento particolare per queste pagine a Robertino.
Queste pagine sono frutto della nostra esperienza, non siamo professionisti, non sono pagine ispirate a manuali d'officina, ci limitiamo a descrivere quanto da noi fatto, cercando di essere più chiari possibile. Naturalmente non ci assumiamo alcuna responsabilità se non dovesse funzionare qualcosa, la nostra è solo una traccia per chi ha dimestichezza con chiavi e cacciaviti.